stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
logo del comune
Comune di Barge
Stai navigando in : Le News
Giardini 1 luglio 1944

Nel corso della Seconda Guerra Mondiale detta area era stata individuata dalle forze di occupazione nazi-fasciste quale punto di raccolta dei detenuti dopo i rastrellamenti. Ricorrendo quest’anno il Settantesimo Anniversario del tragico episodio dell’incendio appiccato alla città di Barge dalle truppe nazi-fasciste, il Sindaco Luca Colombatto, d’intesa con l’intera Amministrazione, ha ritenuto assolutamente doveroso intitolare alla triste data dell’evento, il 1° luglio 1944, i giardini di Piazza Stazione, a perpetua memoria dei drammatici accadimenti consumatisi. A Settant’anni di distanza da quei terribili momenti che sconvolsero Barge, il Ricordo è un imperativo morale.



Proprio il 1°  luglio 1944 il conflitto mondiale raggiunse per Barge  l’apice della violenza, con l’incendio di numerose abitazioni nel territorio comunale conseguente ad una rappresaglia nazi-fascista scatenatasi a causa dell’uccisione di un soldato tedesco. A seguito dell’accaduto, la milizia nazi-fascista iniziò ad incendiare le case  a partire dalla frazione San Martino verso il Capoluogo. Il paese fu messo a fuoco  per tutta la giornata, fino all’ordine del comandante tedesco di sospendere l’incendio.



Molte le autorità che hanno preso parte a questa significativa cerimonia di intitolazione, che ha visto altresì la partecipazione di una nutrita rappresentanza di studenti dell’Istituto Comprensivo e dell’Istituto Alberghiero “Giacomo Paire” di Barge, nonché del Vicario Don Mario Peirano, parroco della Parrocchia San Giovanni Battista di Barge, intervenuto per impartire la benedizione del sito. Hanno cortesemente presenziato, tra gli altri, il Prefetto di Cuneo Dott. Giovanni Russo, il Comandante della Legione dei Carabinieri Piemonte e Valle d’Aosta Generale di Brigata Gino Micale, il Comandante del Secondo Reggimento Alpini Colonnello Fabrizio Recchi della Caserma VAI, una rappresentanza del Comando Guardia di Finanza - Tenenza di Saluzzo, il Vice Comandante del Terzo Reggimento Alpini di Pinerolo, una rappresentanza di Alpini del territorio, diversi Sindaci dei Comuni limitrofi. Presente anche il Presidente dell’Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea in Provincia di Cuneo. Molti infine gli esponenti dell’Arma dei Carabinieri intervenuti dalle Stazioni limitrofe ed esponenti delle varie Associazioni Nazionali Carabinieri da tutta la Provincia di Cuneo.



L'intitolazione dei giardini di Piazza Stazione ad un evento tragico della storia bargese, quale l'incendio di Barge, rappresenta il giusto e doveroso ringraziamento per quelle famiglie civili, per quelle mamme inermi che durante l'occupazione nazi-fasciata hanno perso tutto, talora la vita stessa, per il solo motivo di trovarsi a casa nell'intento di cercare di condurre un’esistenza per quanto possibile normale, aspettando i proprio cari, in un periodo storico orribilmente malato. Quest'iniziativa si inserisce all'interno di un progetto, avviato diversi anni fa dal Sindaco di Barge, volto a ricordare la nostra storia pensando a quei cittadini del territorio, a quegli eventi particolari, che hanno contribuito a scrivere la storia della nostra Italia.



Il Sindaco Colombatto ha sottolineato questi concetti nel corso della cerimonia di intitolazione del sito. Ha poi ricordato alle scolaresche presenti l’importanza di vivere la vita da protagonisti, cavalcando la storia sull'onda delle passioni e dei buoni sentimenti. Ha quindi ringraziato le numerose autorità civili e militari per essere intervenute, in primis il Comandante della Legione dei Carabinieri Piemonte e Valle d’Aosta Generale di Brigata Gino Micale e il Prefetto di Cuneo Dott. Giovanni Russo.



Oltre al Sindaco hanno altresì preso la parola il Prof. Pier Carlo Rosi di Barge, che ha efficacemente illustrato cosa abbia rappresentato per i bargesi il luogo intitolato, e il Presidente dell’Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea in Provincia di Cuneo, che ha a sua volta descritto l'importanza di Barge nella lotta di resistenza. Al termine dell’evento i convenuti sono stati intrattenuti presso il locale Istituto Alberghiero con un buffet generosamente offerto da quest’ultimo.



Il Sindaco Luca Colombatto ringrazia vivamente tutti coloro che hanno contribuito con grande generosità e partecipazione a rendere possibile questo importante evento. Rivolge un sentito grazie a tutti i soggetti intervenuti e, in particolare, al Vicario Don Mario Peirano, per aver solennizzato la cerimonia con la sua presenza, al Prof. Rosi e al Presidente dell’Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea in Provincia di Cuneo per il loro intervento,  e all’Istituto Alberghiero “Giacomo Paire” per avere accolto all'interno della scuola i convenuti e per l’ottimo contributo reso predisponendo e offrendo il rinfresco.



IL SINDACO

Luca COLOMBATTO



Nella foto il Sindaco Luca Colombatto in un momento della cerimonia.


Intitolazione Giardini 26.11.2014.jpg
Comune di Barge - Piazza Garibaldi, 11 - 12032 Barge (CN)
  Tel: 0175 347601 / 0175 347611   Fax: 0175 343623
  Codice Fiscale: 00398040048   Partita IVA: 00398040048
  P.E.C.: barge@pec.comune.barge.cn.it   Email: barge@comune.barge.cn.it
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento